Londra, Viaggi

Un giorno a Canterbury

luglio 1, 2015

Canterbury è una cittadina del Kent, regione dell’Inghilterra meridionale, ampliata e resa centro nevralgico del commercio locale dai Romani. Di storia a Canterbury ne è passata tanta: da Sant’Agostino che vi fondò la prima diocesi cristiana in terra d’Albione a Thomas Becket che fu assassinato nella cattedrale poi diventata patrimonio dell’Unesco.
Da Londra è facilmente raggiungibile tramite treno da St. Pancras (1h) o tramite bus (1h40).
Noi siamo andati in bus (National Express da Victoria) perché i biglietti del treno sono piuttosto cari se non vengono prenotati con largo anticipo.
Siamo partiti in 9 per trascorrere un giorno a Canterbury all’insegna del “conosciamo l’Inghilterra vera, usciamo da Londra”. Oltre a esplorare questa parte del Kent ho avuto l’occasione di fare l’orecchio a una lingua nuova, il turco. Il gruppo era infatti formato da 8 Turchi più la sottoscritta e sin dall’inizio ho capito varie cose: in Turchia amano mangiare e lo fanno a tutte le ore. Dal momento in cui è partito il bus fino al ritorno a casa abbiamo mangiato e smangiucchiato per ben 6 volte! Altra loro caratteristica: sono molto rilassati (o disorganizzati, come dicono loro).
La stazione dei bus si trova a due passi dal centro della città: in un attimo eravamo sulla via principale. Essendo sabato le vie brulicavano di persone intente a fare la spesa: deliziosi cestini da pic-nic, churros e frutta e verdura a prezzi bassissimi rispetto a Londra. Due vaschette di fragole a 2.50£? Un sogno. Abbiamo preso due vaschette di mirtilli (a 2£!!) e abbiamo continuato la nostra passeggiata.

IMG_9118. (FILEminimizer)IMG_9124 (FILEminimizer)IMG_9137 (FILEminimizer)Le facciate di alcuni edifici vi faranno immergere in un’atmosfera medievale.
Purtroppo però i negozi dell’High Street sono gli stessi che trovereste nelle altre città inglesi, cosa che fa perdere un po’ di fascino ma nel complesso è bello chiudere gli occhi e lasciarsi trasportare indietro nel tempo dall’immaginazione.

IMG_9125 (FILEminimizer)IMG_9143 (FILEminimizer)IMG_9145 (FILEminimizer)IMG_9154 (FILEminimizer)Una cosa è certa: non è un caso che Harry Potter sia stato scritto in Inghilterra!

IMG_9149 (FILEminimizer)Proseguendo sulla via principale troverete un edificio che spicca per la sua bellezza: The Beaney, il museo reale – biblioteca! Le esposizioni vanno dal Kent Anglosassone alla Grecia antica, dalle vetrate colorate olandesi all’antico Egitto.

IMG_9161 (FILEminimizer)IMG_9160 (FILEminimizer)IMG_9175 (FILEminimizer)
Ci eravamo ripromessi di fare un giro sul fiume Stour ed essendo il cielo nuvoloso, con un meteo che non prometteva nulla di buono, abbiamo deciso che la prima tappa sarebbe stata il punting.
Il punting è l’andare su una barchetta dal fondo piatto in corsi d’acqua poco profondi, guidati da un capitano sprovvisto di remi ma con una pertica con cui imprime forza sui massi del fondale per spostarsi avanti e indietro. E’ un’attività tipica in Inghilterra ed è praticata anche a Cambridge, Oxford e persino a Londra. I più appassionati possono anche cimentarsi in gare di punting!
Mentre passeggiavamo sull’High Street abbiamo incontrato dei ragazzi vestiti con salopette blu e cappellini di paglia che vendevano biglietti per conto della Canterbury Punting Company. Ci hanno fatto mostrato qualche foto, il certificato di eccellenza Tripadvisor, proposto un bello sconto e li abbiamo seguiti alla volta dello Stour. Se siete interessati, il tour a prezzo pieno costa 9£.
Aggiungo solo una cosa: se passate per Canterbury non perdetevi assolutamente il punting!
Potete farlo durante tutto l’anno, anche sotto la pioggia (le barchette sono provviste di tettuccio) e con il freddo (vi daranno delle coperte pesanti).
L’atmosfera è magica ed essere cullati dall’acqua è estremamente rilassante.

IMG_9187 (FILEminimizer)IMG_9206 (FILEminimizer)IMG_9232 (FILEminimizer)IMG_9321 (FILEminimizer)IMG_9334 (FILEminimizer)IMG_9343 (FILEminimizer)IMG_9359 (FILEminimizer)IMG_9380 (FILEminimizer)IMG_9481 (FILEminimizer)IMG_9460 (FILEminimizer)Dopo il tour abbiamo pranzato in un ristorante consigliatoci dalla Canterbury Punting Company, il The Old Weavers’, molto caratteristico e con una terrazza sullo Stour.
Ci hanno fatto uno sconto del 15% dato che avevamo fatto il tour con i loro partner, ma poi il servizio era del 10%… non abbiamo fatto un grandissimo affare. Inoltre il cibo era nella media tendente al basso, nulla di eccezionale: il petto di pollo pare fosse di pietra, le salsicce con purè e verdure galleggiavano nel sughetto, l’insalata al salmone era insalata con un trancio di salmone cotto ed appoggiato sopra… non ve lo consiglio, ecco.
Sicuramente mangiare sullo Stour è molto piacevole, ma la qualità è davvero bassa.
Se volete mangiare all’interno, il locale è in stile medievale.

IMG_9515 (FILEminimizer)IMG_9602 (FILEminimizer)IMG_9605 (FILEminimizer)IMG_9619 (FILEminimizer)Se passate per Canterbury e non siete vegetariani o vegani vi consiglio il Pork and Co., un localino semplice e invitante che prepara dei bei paninoni ripieni di carne di maiale allevato all’aperto.

IMG_9553 (FILEminimizer)Se volete scoprire il resto di Canterbury vi do appuntamento al prossimo post!

You Might Also Like

2 Comments

  • Reply the mad twins luglio 4, 2015 at 2:17 pm

    I remember going to canterbury a long time ago and I loved it. Seeing these pictures is amazing! It sooo beautiful there *O* Looks like you had a great day ^_^

  • Reply Elena luglio 8, 2015 at 1:53 pm

    Amazing post! Good job honey! :*****

  • Leave a Reply

    UA-76394257-1