Belgio, Viaggi

Un giorno a Bruges

maggio 2, 2018

Gli animi romantici in visita in Belgio non possono perdersi la favolosa Bruges, capoluogo delle Fiandre Occidentali e patrimonio dell’umanità.

Per visitarla è sufficiente una giornata. Se avete tempo, però, vi consiglio di fermarvi un paio di giorni per godervela anche nelle ore più tranquille. Bruges, infatti, è una destinazione molto rinomata e i turisti la prendono d’assalto, soprattutto nel week-end. La ragione è molto semplice: Bruges è romantica, fuori dal tempo e ha degli splendidi canaletti che le sono valsi l’appellativo di Venezia del Nord. Ovviamente con Venezia non ha nulla a che fare, ma non per questo non vale la pena farci un salto.

Arrivare a Bruges da Bruxelles è semplicissimo: basta prendere il treno e nel giro di un’ora si arriva a destinazione. Una volta arrivati non avrete bisogno di altri mezzi di trasporto: il centro storico dista 10 minuti a piedi dalla stazione.

Per visitare Bruges a 360°, vi consiglio di fare il tour dei canali sulle barchette. Vedrete Bruges a pelo d’acqua e ascolterete molte informazioni interessanti sull’architettura fiamminga e sulla storia del luogo. Il giro in barca costa 8 euro, dura circa mezz’ora e se piove non disperate perché viene effettuato quasi in ogni condizione atmosferica.

Il centro storico di Bruges si sviluppa intorno alla piazza principale e al municipio che testimoniano l’importanza che la cittadina ha avuto nel tempo. Fondata nel IX secolo da un gruppo di vichinghi, Bruges è stata ben presto consacrata al commercio. Pensate che nel XIV secolo ospitava ambasciate da tutto il continente, incluse quelle da città come Firenze, Genova e Venezia. Quando però il canale di Bruges si insabbiò, Anversa le rubò le scettro e per Bruges cominciò un’eclissi durata fino alla fine del XIX secolo.

Che sia stata proprio la perdita di fama a proteggerla dalla modernità, Bruges rimane un gioiellino, un luogo fuori dal tempo che vale la pena visitare almeno una volta nella vita. Nonostante sia piuttosto turistica (soprattutto nella zona circostante la piazza principale), perdendosi tra viuzze e piazzette è possibile scovare piccole attività locali come birrerie e cioccolaterie. Inoltre, il sabato Bruges ospita un mercatino delle pulci in cui vengono venduti oggetti d’antiquariato e di artigianato locale.

Se avete voglia di visitare un birrificio, a Bruges vi consiglio il Bourgogne de Flandres. Organizzano delle visite guidate e nel prezzo del biglietto è inclusa una birra di loro produzione. Se volete esagerare, potete chiedere tutte le birre della Bourgogne in formato degustazione. Ve ne porteranno sei in ordine di colorazione, da sorseggiare rigorosamente lungo il canale.

A conclusione della vostra visita, prima di tornare in stazione, vi consiglio di fermarvi a visitare il beghinaggio. Scoprirete un angolo verde senza tempo, circondato da casette bianche. Dalla fine del XIII secolo ha ospitato molte donne nubili che si riunivano in comunità sotto la protezione di un benefattore. Oggi il beghinaggio di Bruges ospita suore benedettine ed è considerato un luogo sacro, da visitare in religioso silenzio.

Usciti dal beghinaggio, non dimenticate di volgere lo sguardo dall’altro lato del canale per osservare il castello ten Berghe e il parco che lo circonda. Per visitare il castello, è necessario prenotare una stanza o un tavolo in quanto attualmente ospita un hotel.

You Might Also Like

No Comments

Leave a Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.