Italia

Pasqua a Roma

aprile 17, 2015

Finiti i corsi universitari (di già??) sono tornata per qualche giorno nella mia città natale, Roma.
Lasciatemelo dire, la bellezza di Roma è disarmante.
Ne è nato quindi un post con alcuni consigli pratici su cosa vedere e dove dormire, scritto da una romana doc.
Se vi trovate a Pasqua a Roma (o in qualsiasi altra occasione), ci sono luoghi che non potete non visitare.
Il giardino degli aranci è uno di questi! Accanto al Circo Massimo, sul colle Aventino, è un angolo di pace a Roma, nonostante sia a pochi passi dal trafficatissimo lungotevere. Dalla foto in alto potete intuire quanto la terrazza sia romantica all’ora del tramonto… infatti è frequentata prevalentemente da coppiette. Una volta usciti dal giardino (noto anche come Parco Savello) potete tornare subito al Circo Massimo fermandovi al roseto, ma non fatelo: proseguite verso piazza dei Cavalieri di Malta. Noterete sicuramente una fila di persone al centro della piazza. Accodatevi e preparatevi a vedere la cupola di San Pietro (il Cupolone) dal buco della serratura del giardino. Imperdibile!
Da Circo Massimo a Largo Argentina è un attimo, se conoscete la scorciatoia! Tra il Circo Massimo e il Tevere trovate il foro boario e la Bocca della Verità (dentro la chiesa di Santa Maria in Cosmedin). Proseguite sulla strada parallela al lungotevere e fermatevi ad osservare la bellezza del Teatro Marcello.

IMG_7797si (FILEminimizer)IMG_7792si (FILEminimizer)Subito dopo il Teatro sulla sinistra c’è una viuzza che dovete prendere a tutti i costi (via Montanara)! E’ un angolo dove si respira una Roma autentica e dove potrete trovare dei magnifici cortili come questo.

IMG_7809si (FILEminimizer)
IMG_7806si (FILEminimizer)Proseguite e vi imbatterete in una delle piazze più belle di Roma: piazza Mattei con la splendida fontana delle Tartarughe.

IMG_7821si (FILEminimizer)Arrivati su via Arenula potete scegliere se proseguire verso Largo Argentina, piazza Navona, il Pantheon e via del Corso (e in questo caso girate a destra) o se dirigervi verso Campo de’ Fiori (tirate dritto). In quest’ultimo caso non dimenticatevi di fermarvi un attimo ad ammirare la minuscola chiesetta di Largo dei Librari (Santa Barbara).

IMG_7825si (FILEminimizer)Se dopo tutto questo camminare siete avete bisogno di rifocillarvi, consiglio un filetto di baccalà Dar Filettaro a Largo dei Librari e una birra fresca all’Open Baladin in via degli Specchi.

IMG_7838si (FILEminimizer)
Altra visita immancabile: villa Borghese, magari salendo la scalinata che da piazza del Popolo porta alla terrazza del Pincio. Da lì si gode di una vista mozzafiato. Proseguite all’interno della villa (attenti ai borseggiatori) e non perdetevi un giro intorno al laghetto con al centro il tempietto di Asclepio Salvatore, dove è possibile affittare delle barche a remi.

IMG_7728si (FILEminimizer)Per concludere questa visita lampo non potete perdervi l’imponente San Pietro, Musei Vaticani compresi (comprate il biglietto on-line se volete evitare la coda ma le stanze di Raffaello e la Cappella Sistina dovete vederle) e consigliatissimi anche i numerosi scalini che portano sulla cima del cupolone: la vista da lassù è incredibile!
Non è detto che però la facciata della basilica sia decorata da fiori come nella foto. Capita nelle grandi occasioni, come nel giorno di Pasqua.

IMG_7904si (FILEminimizer)Ora affrontiamo l’annosa questione di dove dormire a Roma.
Su internet si trovano tantissime soluzioni, ma molte sono fuori mano o mal tenute.
Ormai è diventato un business anche questo e con i pochi controlli che ci sono potreste facilmente incappare in affittacamere poco dignitosi a cui interessa solo il guadagno.
Per questo vi consiglio ad occhi chiusi Casadom.
A 2 minuti a piedi dalla fermata della metro Ottaviano – San Pietro e a 5 minuti a piedi da Piazza San Pietro. Pulita, silenziosa, in un palazzo elegantissimo su via Ottaviano, dotata di ogni servizio e gestita dalla mia famiglia (quindi potete andare sul sicurissimo).
Non indugiate oltre e prenotate, non ve ne pentirete!

965
Se siete a Roma e volete fare una gita fuori porta vi consiglio Tivoli.
Oltre alle splendide Villa Adriana e Villa d’Este potrete immergervi nella natura di Villa Gregoriana (ingresso: 6€), la meno conosciuta delle tre ma la più selvaggia, un parco naturale a tutti gli effetti.

IMG_7923si (FILEminimizer)IMG_7927si (FILEminimizer)IMG_8026si (FILEminimizer)IMG_8031si (FILEminimizer)IMG_8129si (FILEminimizer)IMG_8118si (FILEminimizer)IMG_7947si (FILEminimizer)

You Might Also Like

2 Comments

  • Reply chiara maggio 4, 2015 at 12:52 pm

    Che bel post!! mi hai fatto rifare un giro virtuale in una città che adoro! ♥ Il giardino degli aranci è un posto magico… e avevo anche visto il cupolone dal buco della serratura! 🙂
    Da buona gattara avrei passato ore intere in largo Argentina, anche se di gatti a Roma ne ho visti un po’ ovunque. Non sono invece mai stata a Tivoli, mi hai incuriosita… la metto nella lista delle cittadine che devo scoprire!

    • Reply Claire maggio 4, 2015 at 1:13 pm

      Ciao Chiara!
      Mi hai beccata. Ho fatto delle foto al cupolone dalla serratura ma purtroppo non sono venute bene.
      Sì Tivoli ha 3 ville una più bella dell’altra, it’s definitely worth visiting!

    Leave a Reply

    UA-76394257-1